Condividi

Da diversi anni l’Istituto si occupa di orientamento post secondario per favorire l’integrazione degli studenti nel mondo del lavoro o nel sistema universitario anche con lo svolgimento di stage per tutti i propri studenti. Dal 2014 questi stage iniziano a trasformarsi in alternanza scuola lavoro integrandosi con il curricolo scolastico. Tale evoluzione è possibile grazie al supporto della C.C.I.A.A. di Firenze membro del Comitato Tecnico Scientifico dell’Istituto PEANO che vede la presenza anche di Confesercenti, Confindustria, Ordine dei Dottori Commercialisti, Fondazione Consulenti del Lavoro, Scuola Scienze Aziendali, Universitàe Fondazione Teatro “La Pergola”.

Queste attività sono un aspetto essenziale dell’Offerta Formativa e della metodologia didattica del nostro Istituto. Lega la scuola e il territorio nel comune intento di una formazione compiuta da fornire in modo curriculare a tutti gli studenti per favorire un efficace orientamento, valorizzare le attitudini, sviluppare competenze valutabili e spendibili nella società.

Si tratta di un rapporto con il territorio più (alternanza scuola lavoro) o meno (stage) strutturato e parte integrante della progettualità didattica. Costituisce un periodo di permanenza "attiva" di formazione e istruzione presso studi professionali, imprese pubbliche e private, enti territoriali, associazioni e fondazioni.

Tali attività si svolgono anche all’estero e, nell’ambito della valorizzazione delle eccellenze, è prevista l’erogazione di borse di studio da destinare a studenti meritevoli.

Vi partecipano tutti gli alunni dell’Istituto, nel primo biennio si dovrà preparare con la conoscenza del tessuto economico del territorio e con interventi d’orientamento nell’ambito del percorso scolastico. Nel secondo biennio si svilupperà la fase di preparazione, formazione ed inizio delle attività. Nell’ultimo anno l’attività terminerà e sarà assoggettata a valutazione.

Tali attività si svolgono sia in orario e calendario scolastico che extra e impegnano gli studenti delle classi quarte e quinte di entrambi gli indirizzi per un periodo di quattro settimane, generalmente le ultime due di scuola e le prime due delle vacanze, durante il quarto anno e prosegue con altre due settimane nel mese di settembre della classe quinta.

Da quest'anno in ottemperanza alla legge 107 del 13 luglio 2015 si avvieranno percorsi di alternanza anche per tutte le classi terze dei due indirizzi.

Inoltre, per favorire il confronto di esperienze diverse e rielaborare le conoscenze acquisite mettendole in relazione con i contenuti della formazione scolastica, gli studenti presentano una relazione conclusiva.

Considerate le caratteristiche dell’attività, che deve raccordarsi con una pluralità di soggetti esterni, ogni studente potrà avere un percorso adattato alle caratteristiche proprie ed alle esigenze del soggetto ospitante l’attività di stage o di alternanza.

Durante quest’anno scolastico si conclude il percorso di alternanza della classe 5 RIM, iniziato nell'anno scolastico 2014/15 come previsto   dal progetto pilota che l’istituto ha realizzato grazie ai finanziamenti della Camera di Commercio di Firenze e che si svolge in collaborazione con il Teatro La Pergola di Firenze. Il progetto coinvolgerà gli studenti in un’alternanza scuola-lavoro che si alternerà con i momenti didattici.

 

 

VALUTAZIONE DELL’ALTERNANZA 

 

 

L'alternanza, in quanto attività didattica, oltre ad avere una funzione educativa e formativa con l'esplicitazione dell'esperienza, a mezzo del report redatto dagli studenti e delle relazioni dei tutor aziendali e scolastici, consente anche la valutazione sommativa.

 

 

Elemento di valutazione del comportamento degli studenti in sede di scrutinio finale

(Art.2 D.L. 137/2008)

 

Elemento determinante di attribuzione del credito scolastico

(Art.4, c.6, DPR 275/99 - Art.11, c.2, DPR 323/98)

 

Elemento di valutazione periodica e finale nelle singole discipline coinvolte (report)

(Art.6, c.3, DPR 88/2010)

 

STAGE ALL'ESTERO

Da alcuni anni l'Istituto organizza esperienze di stage lavorativi all'estero della durata di quattro settimane sia per gli studenti del Tecnico che per quelli del Liceo Linguistico.

Lo stage all'estero costituisce un'importante opportunità di crescita personale e professionale in vista dell'entrata nel mondo del lavoro.

L'integrazione europea e l'internazionalizzazione dei mercati (compresi quelli del lavoro), inducono a progettare un periodo d'immersione all'estero per applicare nell'azienda straniera la formazione acquisita a scuola.

Affrontare uno stage all'estero vuol dire anche confrontarsi con una cultura ed una lingua diversa, nonché mettersi alla prova in un ambiente lavorativo che consente di acquisire competenze di tipo operativo, familiarizzare con strutture e meccanismi socio-culturali di altri Paesi, maturando la capacità di cogliere la complessità e di dialogare con altre culture e soggetti cioè farsi un bagaglio interculturale.

Il Progetto prevede che gli studenti siano alloggiati presso famiglie e le aziende in cui svolgono l'esperienza appartengono a contesti lavorativi in linea con le competenze caratterizzanti i profili di studio (settore turistico e della comunicazione per gli studenti del Liceo Linguistico, amministrazione, contabilità e gestione d'impresa per gli studenti del Tecnico).

Gli studenti sono seguiti in loco da un tutor referente, che riunisce settimanalmente i ragazzi per monitorare l'attività svolta.

Durante il periodo di soggiorno all'estero sono previsti anche un corso di potenziamento linguistico, finalizzato ad una preparazione specifica per l'attività lavorativa ed escursioni ai luoghi di interesse artistico e culturale della zona.

Il nostro Istituto, inoltre, è ente riconosciuto per il rilascio del certificato Europass Mobilità, che viene redatto per ogni studente che abbia svolto lo stage all'estero. Tale documento registra le competenze e le conoscenze acquisite in un altro paese europeo e viene compilato dagli enti partner coinvolti nel progetto di  mobilità, in italiano e nella lingua del paese coinvolto.