L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” è entrata in uso dopo l’emanazione della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” e la successiva Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013.

Bisogni Educativi Speciali: quali sono?  Nella Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 si precisa che l’area dello svantaggio scolastico è articolata in tre grandi sotto-categorie:

- Disabilità

- Disturbi evolutivi specifici

- Svantaggio

 

Piano Annuale per inclusione a.s. 2017/2018

  • Approvato dal GLI in data 05/06/2018
  • Deliberato dal Collegio dei Docenti in data 19/06/2018


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.